Marina Aliquò……. giovane, sicura e con una gran voglia di stupire

Nemmeno diciassette anni e la consapevolezza di giocarsi un ruolo da protagonista. Una gioventù dedicata al calcio , sua vera passione, che la vista dare i primi calci nelle giovanili del Vittorio Veneto per poi approdare come promessa al Bardolino Verona del presidente Battistoli. Due anni fantastici con vittorie a raffica, uno in riva al lago e uno a Verona. Una stagione in Friuli e poi ecco il ritorno, ancora più matura, in riva al lago ma questa volta sponda Real Bardolino. Stiamo parlando di Marina Aliquò nuovo estremo difensore della formazione giallo – blù lacustre.

 

Marina, prima di tutto ben tornata?

“ Grazie”

 

Come mai Bardolino e come mai questo ritorno?

“ Semplice da qui ho cominciato e da qui voglio premere sull’acceleratore per quanto riguarda la mia carriera calcistica. Ho fatto tanta gavetta ed ora è il momento di dimostrare ciò che valgo e non c’è società migliore del Bardolino per farlo”.

 

In che senso?

“ Nel senso che qui si stava bene quando me ne sono andata e da come vedo in queste prime battute le cose non sono cambiate. Tanta passione in un ambiente famigliare. Una cosa fondamentale per crescere e lavorare in tranquillità”.

 

Te ne sei andata dal Bardolino e torni nel Real Bardolino. Non ti chiedi cosa sia successo?

“ Sinceramente io penso di fare solo il mia lavoro,  il resto non mi interessa. Una cosa sola posso dire il presidente Battistoli che sia Bardolino o Real Bardolino, o che sia serie A, B o C non è cambiato. Sempre uguale entusiasmo e competenza altrimenti non sarei qui”

 

Che tipo di portiere sei?

“Posso essere sincera”

 

Devi

“ Sono una rompi p….. Pretendo molto dalla mia difesa. Ho scelto un ruolo di responsabilità come l’estremo difensore e pretendo il massimo da chi mi circonda. Come sono buona, calme e gentile fuori dal campo, sul manto verde mi trasformo”.

 

Cosa chiedi a questa stagione di A2?

“Chiedo e voglio ottenere il massimo , naturalmente impegnandomi molto”

 

Sei anche nel giro della nazionale under 20 con i mondiali giapponesi alle porte. Come ti senti?

“Mi sento orgogliosa come qualunque sportiva che veste la maglia azzurra. Siamo un buon gruppo e faccio parte della rosa. Posso essere convocata come non esserlo ma fortunatamente lo fanno e quindi sono fiduciosa di partire il 13 per il Giappone. Altrimenti avanti a testa bassa con il Real Bardolino”

 

Tuoi obietti personali?

“Una passo alla volta ora la serie A2 con il Real Bardolino poi vedremo”

Marina Aliquò con la maglia della nazionale under 20

 

Annunci