C’era una volta………………………… Aspettando Bardolino Verona – Real Bardolino

C’era una volta una formazione di calcio femminile che a livello nazionale vinceva tutto quello che si poteva vincere. Scudetti, coppe e tanto altro. Un società che faceva storia portando addirittura la propria formazione in semifinale di coppa campioni, cosa ancora unica nel palcoscenico femminile italiano, giocando al “Bentegodi” davanti a più di quindicimila persone . Quella compagine era il C. F. Bardolino ed il presidente allora era Marcello Battistoli. Poi le cose sono cambiate con il Bardolino ad aggiungere la scritta Verona al suo scudetto ed emigrare nel capoluogo di provincia e lo stesso Battistoli a lasciare la sua amata e fondare il Real Bardolino. Un universo di passione, pensieri e speranze che forse un giorno gli intendi di queste due formazioni unite da un stesso nome si incontrassero ancora. Ma il destino a volte è li dietro all’angolo divertito e sornione  e così dopo un anno appena ecco la fatidica data, con il Real approdato in A2 a disputare il girone eliminatorio di coppa Italia proprio con i cugini o fratelli gemelli. Oppure chissà.

Marcello Battistoli

Marcello Battistoli, domenica una partita speciale?

“Domenica sarà una giornata speciale per il sottoscritto. Giocheremo contro la mia vita, i miei sacrifici, la mia creatura, il mio figliolo prodigo. Comunque ora il mio pensiero è solo e sarà sempre il Real Bardolino. Ho delle ragazze fantastiche e so che non mi deluderanno.

Real Bardolino e Bardolino Verona, non c’è qualche cosa che non quadra?

“Certo. C’è molto di strano ma chi sa sta zitto. Sono solo io che parlo e continuerò ad urlarlo fin che avrò fiato. Il Verona femminile non esiste, c’è un Bardolino Verona e c’è un Real Bardolino, tutto questo con matricole fgc ben chiare. In questa stagione si doveva iscrivere il Verona femminile , non ancora una volta il Bardolino Verona, evidentemente ci sarà un suo perché. Poi non so come facciano ad adoperare il nome e logo di Bardolino senza la delibera comunale. Abbiamo anche noi fatto domanda.

Chi porteresti del tuo Bardolino, ora Bardolino Verona nel Real Bardolino?

“Vedi anche nella domanda c’è qualche cosa di strano, ma non per colpa tua. Comunque porterei le giocatrici che per giocare a calcio hanno dovuto adeguarsi forzatamente a certe situazioni”

Nomi?

“Tanti nomi. Parlo anche delle nazionali del Bardolino Verona. Parlo di Meania Gabbiadini. Pensi che se Melania Gabbiadini è a Bardolino è merito mio e di Vittore Conati. Mi ricordo un sera parlai con il padre di Melania il quale mi comunicava che sua figlia voleva andarsene. Questa cosa la dissi al tecnico Longega che rispose tutti necessari nessuno indispensabili. Allora presi di petto io la situazioni e ora sapete tutti che grande giocatrice è Melania Gabbiadini”

Quanto di tuo c’è nel Verona di adesso?

“Direi tante giocatrici, dal settore giovanile di allora alla prima squadra di adesso. Girelli, Toselli, Ledri, Da Rocha per citarne alcune”

Cosa le ha insegnato tutto questo?

“A non fidarmi più di nessuno nemmeno di mia moglie”

Presidente ma da quanti anni è nel femminile?

“Ho smesso di contarli”

Annunci