Il segno della "Croce" condanna un bello ma poco concreto sotto rete Real Bardolino

Real Meda                 0

Tredate Abbiate        1

Real Bardolino  :  Begnoni, Piccin, Marchi (1’st Bianchini), Daiana Mascanzoni, Caffara, Menin (1’st Rizzi), Debora Mascanzoni, Eccher ,Muco, Maselli, Dal Rì. Menin. All Padovani-Trentin

Tradate: Dibernardo, Piccolo, Sava, Guidetti (28’st Di Liscio),

Castignano, Mantuon, Cattaneoi ,Greppi, Croce, Russo,

Cammarata (8’st Tipaldi). All: Mariotti

Arbitro: Garofalo di Torre del Greco

Reti:40’pt Croce (T).

Bardolino: Con una rete allo scadere della prima frazione della ex di turno Erica Croce il Real Bardolino soccombe di misura, con tante recriminazioni per i continui errori sotto rete dell’undici lacustre, alle lombarde del  Tradate Abbiate. Del resto quando si domina per novanta minuti, si subisce lo svantaggio nel finale del primo tempo e si gioca una ripresa in un’unica area senza mai insaccare per lo meno il pari, qualche cosa forse manca o bisogna registrarlo. Un tiro su svarione difensivo di Caffara al 40’ è bastato quindi all’’undici ospite per portare a casa l’intera posta in pallio tra il disappunto del presidentissimo Marcello Battistoli.  Durante la partita, decisamente a senso unico, già al 15’ una percussione di Dal Rì metteva in condizioni Daiana Mascanzoni di battere a rete ma non inquadrava da sotto misura. Al 28’ e la volta di Giorgia Menin a scaldare le mani di Di Bernardo che para con sicurezza. Bel fraseggio tra Debora Mascanzoni e Muco al 33’ con la bordata di quest’ultima deviata in angolo da una attento estremo difensore ospite. Al 40’, come detto il fattaccio in tranquillo disimpegno Caffara colpisce male con Croce che ringrazia e realizza il vantaggio dell’undici di mister Mariotti. La ripresa sulla falsa riga dei primi quarantacinque minuti con il Real Bardolino a schiacciare nella propria area gli avversari impattando però costantemente sul muro eretto a difesa di Di Bernardo. Anzi quasi in contropiede è il Tradate a raddoppiare al 9’ se non fosse per lo straordinario intervento di Begnoni manco a dirlo su Croce. Tanta pressione spezzata dalla percussione al 16’ di Daiana Mascanzoni per il nulla di fatto. Pari del Real che sembrava cosa fatta al 35’ quando una punizione di Bianchini dalla destra trovava l’incredibile errore , praticamente sulla linea di parta, di Caffara che sparava alto sopra la traversa, per la disperazione del centrale giallo-blu. Altro rete mancata, ma questa volta per il puntuale intervento del portiere Di Bernardo al 90’, quando a Debora Mascanzoni a tu per con il numero uno ospite si faceva parare la palla del meritato pareggio. Il calcio è questo, sia nel maschile che nel femminile, di solito per vincere bisogna segnare. Oggi l’ostacolo e la problematica che fa preoccupare lo staff del Real Bardolino è proprio questa.

Roberta Rizzi

Annunci